Sincronizziamo automaticamente le foto col Bluetooth


Dopo essermi stancato di togliere la microSD dal cellulare e fare copia incolla, ho pensato ad un modo più intelligente di sincronizzare le foto. Si tratta di montare il cellulare come una qualasiasi memoria di massa (via Bluetooth) e poi di sincronizzare le foto con rsync in modo da matenere anche tutti i metadati. Tutto questo fatto automaticamente da uno script all’avvio.

Continue reading →

Annunci

Creiamo un client RSS vocale – prima parte


python logoVi siete stancati di leggere i feed RSS? Bene, allora mettetevi comodi e lasciate che sia il computer a leggerli per voi :). L’idea è quella di ottenere i feed e di mandare l’output al sintetizzatore vocale, tutto questo a intervalli regolari.

Continue reading →

Multiboot con Syslinux – seconda parte


Rieccoci (finalmente) con la seconda parte del multiboot con syslinux.
Facendo riferimento allo schema della prima parte possiamo ora installare i sistemi. Installiamo il primo sistema (nell’esempio: Manjaro Linux) in /dev/sda3 (con o senza il bootloader, tanto andrà sovrascitto con la seconda installazione). Poi installiamo il successivo (Arch Linux) in /dev/sda2 ed installiamo (anche/ancora) il bootloader syslinux.

A questo punto modifichiamo il bootloader secondo le nostre esigenze in modo in modo che si possano caricare entrambi i sistemi a scelta.
In questo momento tuttavia abbiamo a disposizione solo il secondo sistema installato (Arch).

Continue reading →

Multiboot con Syslinux e partizionamento – prima parte


Syslinux splash

Syslinux splash

Alcune distribuzioni moderne consigliano di installare bootloader diversi dal famoso GRUB per motivi di prestazioni ma sopratutto per il fatto che questo è più moderno, quindi si dovrebbe adattare meglio a situazioni diverse.

Non avendo però trovato moltissima documentazione riguardo al multiboot con Syslinux e GPT ho dovuto fare varie prove per capirne bene il funzionamento.

Continue reading →

Connessione wifi da terminale


Eccoci ancora qui…
Se per qualche motivo dovete collegarvi in wifi da terminale oppure se state usando una distribuzione come Arch che è senza GUI (di default), e magari dovete installarla, allora c’è bisogno di una connessione internet. Se non avete la possibilità di collegarvi con un cavo LAN ma solo via wifi (con chiavi WPA, che sono le più diffuse) esistono vari modi di farlo da terminale. Ne ho voluto scegliere uno sicuro e veloce.
Continue reading →

Sfondo desktop dinamico per linux


Feh è un programma a riga di comando per la visualizzazione di immagini ma anche per la gestione dello sfondo in ambienti che non hanno questa funzionalità (es. Openbox). Questo programma ha anche la possibilità di usare immagini non presenti in locale grazie alla libreria libcurl come descritto sul sito ufficiale.

Quindi useremo feh per impostare a immagini rotazione per lo sfondo del desktop, in modo che cambi dopo un certo intervallo di tempo. Nell’esempio utilizzerò Openbox come ambiente, nano come editor e Archlinux / Manjaro. Continue reading →

2013 in review


The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2013 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

The concert hall at the Sydney Opera House holds 2,700 people. This blog was viewed about 15,000 times in 2013. If it were a concert at Sydney Opera House, it would take about 6 sold-out performances for that many people to see it.

Click here to see the complete report.

Rilasciata Fedora 19 Schrödinger’s Cat


Fedora 19

Fedora 19

Proprio in queste ore è stata rilasciata la nuova versione, stabile, di Fedora con nome in codice Schrödinger’s Cat.

Questa versione porta con se moltissime novità che non sto a descrivervi in questo articolo, perchè non l’ho ancora testata, ma vi lascio le note di rilascio in modo che possiate farvi un’idea.

Ma per capire se il gatto è vivo o morto bisogna aprire la porta…  Continue reading →

Installiamo Ubuntu One su Fedora 17


Ciao, rieccomi dopo un periodo di latitanza, in parte voluta ed in parte no.

Come da titolo da oggi potete cambiare felicemente distribuzione e continuare ad utilizzare Ubuntu One che, come saprete, a differenza di Dropbox offre ben 5 GB di storage online gratuiti.

Era da un po di tempo che cercavo questa soluzione Continue reading →